C.d’Orlando: vittoria netta per l’Esperia contro il Forte Gonzaga

Esperia_Messina

L’Irritec Esperia Orlandina conquista senza troppi sforzi la quarta vittoria in cinque gare nel suo girone di ritorno nel derby con il Forte Gonzaga Messina disputatosi al PalaValenti. I rosanero arrivano al match dopo il turno di riposo senza Minissale, Palmeri, Giulio, Pirani, Ioppolo e Maurizio Ipsaro. Coach Lenzo approfitta così del turno favorevole e della pochezza degli avversari per dare spazio a chi ha avuto meno minutaggio nel corso del torneo e per sperimentare ruoli e schemi.

Esperia_messina

Lo starting-seven rosanero è formato da Capria tra i pali, Rizzo in cabina di regia, Torre e Caracciolo terzini, Gazia e Scuderi ali e Costa Pivot. Al quinto minuto di gioco la gara è ancora in perfetta parità, ma il dislivello tra le due formazioni si nota non appena i rosanero iniziano a spingere il piede sull’acceleratore: nettamente superiore la caratura tecnica e atletica dei ragazzi di coach Lenzo. Mentre dalla panchina paladina sono già partite le numerose rotazioni, la forbice tra le due formazioni inizia ad allargarsi (14-7 al 24’). Al riposo lungo i padroni di casa sono avanti per 16 reti a 10.
Nella ripresa la musica non cambia, l’Esperia continua la sua partita ed al 45’ di gioco i paladini conducono per 24-17. Nei minuti finali i giovani rosanero alzano il ritmo della gara e realizzano un break di 8-2, che chiude il match con il punteggio finale di 32-19 . Per il più giovane della squadra, il sedicenne Mattia Giglia, la prima rete al PalaValenti (aveva già segnato, sempre contro il Forte Gonzaga, ma a Messina) e un palo su rigore.

Esperia_Giglia

Adesso per i rosanero due trasferte consecutive (Siracusa e Marsala) prima di chiudere il torneo in casa con l’Haenna. “Contro avversari così imbarazzanti spesso si rischia di fare brutte figure – dichiara coach Lenzo a fine gara -, ma abbiamo saputo gestire una gara problematica sotto il profilo fisico (troppi i falli scomposti degli avversari) evitando inutili infortuni e non cadendo, come all’andata, nei loro soliti atteggiamenti provocatori. Giusto dare spazio a tutti anche per avere indicazioni in più per questo finale di torneo. Adesso faremo visita alla capolista Albatro Siracusa, a cui faremo le più sincere congratulazioni per aver conquistato in maniera netta questo torneo. Torneranno meritevolmente nel torneo che credo gli competa per tradizione ed organizzazione societaria”.

Print Friendly



Articoli Correlati

Close