20120904_142745-Mauro Aquino 004

Patti: operazione Fake, Aquino “persa la sacralità del voto”

20120904_142745-Mauro Aquino 004

In merito alla compravendita di voti alle comunali di Patti del 2011 che ha, come un violento terremoto, travolto il Pd locale, interviene il sindaco, Mauro Aquino.

C’è una cosa che mi preme sottolineare oggi: non bisogna generalizzare – dichiara il sindaco – ci sono responsabilità di singoli e di gruppi, ma ci sono tantissime persone che s’impegnano con dedizione alla politica e non cercano scorciatoie; questo in tutti i partiti”.

Dobbiamo comunque aspettare le sentenze dei magistrati – sottolinea Aquino – ma quel che più mi ha colpito di questa vicenda è il fatto che si è persa la sacralità del voto, del momento stesso in cui entri nell’urna per scegliere sul tuo futuro. E’ un momento così importante che non può essere svilito in questo modo. Quando stai per scegliere il tuo sindaco, il consiglio comunale, stai scegliendo il tuo futuro. E’ un momento determinate, sacro. L’abbiamo perso”.

E’ forse questo l’aspetto più inquietante della vicenda, l’aver perso, sia da parte di chi fa politica attiva che da parte degli elettori, il valore stesso della democrazia partecipata, che nasce dal contributo di tutti, ognuno per la sua parte. Stiamo parlando della politica con la P maiuscola, della politica bella. Ma io sono certo che non dobbiamo generalizzare – continua il primo cittadino – ci sono centinaia di persone che ci credono”.

Mi sono insediato il 20 giugno 2011 – conclude Aquino – il mio primo atto è stato nominare la giunta, il secondo decurtare le nostre indennità del 50%. Abbiamo così ottenuto 90 mila euro che sono stati utilizzati per la riqualificazione del parco giochi e per interventi al cimitero. Voi direte, piccole cose. Sì, ma importanti e peraltro neanche rivolte ad ottenere il consenso, visto che si tratta di provvedimenti presi per i bambini e i defunti…..che non votano”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close