658kjt

Milazzo: asse viario, Pino e Rogmanolo “sistemato con logica check point di Baghdad”

658kjt

Nuova diffida dell’Amministrazione comunale di Milazzo all’Anas in merito ai recenti lavori effettuati sulla strada,  Archi-Olivarella.

In una lettera inviata all’ Anas di Catania dal sindaco, Carmelo Pino e dall’ Ass. ai lavori pubblici, Santi Romagnolo, facendo riferimento all’ incontro tenutosi presso il Comune di San Filippo del Mela “nel quale  – scrivono – questo Ente ha motivatamente ritenuto non condivisibile l’attuale sistemazione dell’intersezione del corso Sicilia con la SS. 113 – neanche a carattere provvisorio – e si reitera la diffida alla società dal proseguire i lavori che hanno portato all’ arbitraria collocazione di new jersey lungo la mezzeria della carreggiata della Strada statale 113 in corrispondenza con l’asse viario di Milazzo, non prevista nel progetto di livello definitivo agli atti di questo Comune”.

Sindaco e assessore ribadiscono che “in difetto verrà esercitata ogni azione giudiziaria a tutela della sicurezza dell’utenza in transito oltre che dell’immagine. Difatti  tale pervicace condotta di codesto Ente (Anas) di volersi discostare dalle previsioni progettuali esecutive appaltate tramite la variante proposta nel corso dell’incontro di giorno 27 febbraio – nonostante il parere contrario espresso pure dal comandante della polizia municipale di questo Comune per motivi di sicurezza anche in ambito di protezione civile – lede manifestamente l’immagine di città turistica atteso che il principale accesso viario risulta sistemato con la logica di un check point di Baghdad”.

Foto: skyscrapercity

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close