upea_pp

C.d’Orlando: una sconcertante Upea cade a Veroli

Un’Orlandina inguardabile e mai in partita perde meritatamente a Veroli, con il punteggio di 90-66, una gara mai messa in discussione dai ragazzi di coach Pozzecco. Imbarazzante la prestazione degli americani, unica nota positiva lo scatto di orgoglio dei più giovani (Palermo, Portannese e Pellegrino), gettati sul parquet quando ormai il risultato è già scritto.

L’Upea parte malissimo e continua peggio, Veroli sembra giocare contro una squadra di mini-basket, il canestro difeso dai laziali sembra piccolissimo, e, nelle mani di Erving Walker, i giallorossi bastonano l’Orlandina allungando fino al +21 (23-2). L’atteggiamento dei paladini è irritante, Pozzecco cerca di rimescolare le carte, mandando in panca Mason, Poletti e Mathis e inserendo Portannese, Benevelli e Palermo. I paladini continuano ad essere in bambola, a 34” dalla fine del quarto George segna la tripla per provare a scuotere i suoi, ma lo 0/2 dai liberi di Battle è l’emblema dell’incapacità dei bianco-blu di entrare in gara. Uno dei più brutti primi quarti della storia dell’Orlandina si chiude sul 25-5.

I primi punti del secondo parziale sono di Palermo, ma Berti riporta il punteggio sul +20 e Pozzecco decide di mettere a sedere un irriconoscibile Talor Battle. I paladini vanificano l’opportunità del -18 quando su un contatto irregolare sull’unico lottatore bianco-blu George, Pozzecco protesta beccandosi il tecnico che vale il +22 Veroli. Il rientrato Battle mette la tripla del -19 (29-10), ma la difesa paladina è inesistente, i giallorossi vanno sul +32 con le bombe di Marigney e Carenza. Un’insolita tripla di Pellegrino vale il -29, ma Carenza manda le squadre negli spogliatoi sul 48-17.

I primi due tiri liberi segnati da Battle in avvio terzo parziale ed un tiro dalla media di Poletti sono un barlume di speranza per i paladini, che però subiscono un parzialino di (10-0), andando sul massimo svantaggio, -37 (58-21). Portannese cerca di riacccorciare, Walker mette la tripla di un nuovo +35, Pellegrino e Poletti cercano di salvare la faccia, ma Marigney e Carenza rispondono colpo su colpo. Il terzo quarto si chiude sul 70-41.

L’ultimo quarto coach Pozzecco mette in campo i più giovani, che danno nuova linfa ai paladini. La difesa si sveglia, recupera palloni e in attacco Palermo, Portannese e Battle firmano un parziale di 15-2 portando l’Upea sul -16 (72-56) a 5 minuti dalla fine. Ma non basta, Walker e Bruttini siglano un nuovo +20 Veroli, sembra che Mason e Battle giochino solo per le loro statistiche, l’emblema dell’insoddisfazione di Pozzecco è l’inserimento, per la prima volta in assoluto nel campionato, di Andrea Vignali. Una gara inguardabile dei paladini si conclude con il canestro da metà campo di Marigney per il 90-66.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close