IMG_0925

Rocca: migliaia ai funerali di Andrea Bruno


“Non si può fare tutto, ma tutti possiamo fare qualcosa” e ancora “adesso va e colora il cielo di nero”. Queste alcune delle frasi che hanno accolto la salma del giovane Andrea Bruno questa mattina nella chiesa di Rocca di Caprileone.

Un’intera comunità stretta intorno al proprio figlio perso in maniera assurda e traumatica. Questa mattina ai funerali di Andrea Bruno, ucciso lunedì scorso dalle pugnalate infertegli da Sebastian Oriti a Rocca di Caprileone, sono in migliaia. Conoscenti, amici, familiari, ma anche semplici abitanti della popolosa frazione del Comune di Capri Leone che hanno voluto rendere l’ultimo saluto al giovanissimo meccanico assassinato.

All’uscita della salma motori accesi delle auto degli amici più stretti di Andrea Bruno in segno di saluto e rispetto per il giovane meccanico.

“Rocca non è un posto dove circola droga o c’è delinquenza” dice il Sindaco Grasso  durante la messa. “Rocca è una comunità che lavora e non si può morire così, per una ragazza o per un pugno”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close