images

Lipari: chiusura punti nascita, la protesta “vogliamo nascere nella nostra isola”

Hanno costituito il comitato spontaneo “Vogliamo nascere nelle nostre isole”  i residenti delle isole Lipari e Pantelleria che saranno in piazza davanti al Ministero della Salute, a Roma, lunedì prossimo, 18 febbrai, alle 11.00.

Supportati dalle amministrazioni e da varie associazioni, protestaranno contro la chiusura dei punti nascita di queste due isole. Lo stesso giorno si terranno altre due manifestazioni: una a Palermo all’assessorato della Salute, durante la quale sarà consegnata una petizione con 1.500 firme, e un’altra a Pantelleria davanti all’ospedale.

Dalla metà di  dicembre – spiega il Comitato spontaneo “Vogliamo nascere sulle nostre isole”, che si fa sentire, ieri, giorno dello sciopero di ginecologi e ostetrici – “le donne sono costrette a partire alcune settimane prima della data presunta del parto e a far nascere i loro bambini sulla terraferma. Questo comporta ovviamente grandissimi disagi, sia dal punto di vista economico (viaggi, albergo, vitto, auto per gli spostamenti) che psicologico: le donne, in un momento delicatissimo com’è  quello della nascita di un figlio, si ritrovano spesso sole, lontane dalla cerchia familiare e dagli amici, senza il conforto che potrebbero ricevere dal personale medico e paramedico che le ha seguite nel percorso della gravidanza”.

“Molto spesso – continua il Comitato spontaneo – vengono fatte partire in elicottero – e ogni viaggio costa alla Regione Sicilia circa 16mila euro – ma i collegamenti d’inverno sono molto difficoltosi: in particolare Pantelleria dista 6 ore di navigazione da Trapani, spesso il traghetto non viaggia per le avverse condizioni meteo e gli spostamenti in aereo possono essere pericolosi per le partorienti. La razionalizzazione dei punti nascita del 2010 prevede una soglia minima di 500 parti l’anno, per garantire la massima sicurezza alla mamma e al nascituro. Sull’applicazione di questa riforma insistono molto anche ginecologi e ostetrici e gli isolani non contestano l’impianto generale della legge, anche perchè  il Piano regionale della salute del 2011 non toccava Lipari e Pantelleria”

“Inspiegabilmente – contesta il Comitato – un successivo decreto assessoriale ne ha programmato la chiusura.  Perchè non è ancora stato redatto al ministero il promesso Piano per le Isole minori che prevede a sua volta deroghe per Lipari e Pantelleria?”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close