upea casale

C. d’Orlando: Upea ammazza grandi. 94-81 contro la capolista Casale


L’Upea si presenta sul parquet con Battel, George, Mason, Mathis e Poletti. Di fronte la capolista con Ware, Martinoni, Green, Butkevicius e Ferrero.

Primo quarto: Si comincia subito con una tripla di Ferrero ma soltanto la sfortuna toglie a George la possibilità di rispondere immediatamente da tre. Il suo tiro infatti entra ed esce dall’anello. Dopo i due liberi di Ware l’Upea è costretta da subito ad inseguire. Zero a 5 dopo due minuti di gioco. Dopo un altro minuto è subito time out per Pozzecco sotto di 7 punti. Poche idee e confuse per l’Upea entrata in campo con poca convinzione. E’ Donte Mathis a mettere a segno i primi due punti dell’Orlandina ma il punteggio è di 2 a 11 per Casale Monferrato. Battle e Poletti cercano di riportare sotto l’Orlandina e 4 minuti il punteggio è di 10 a 15. Spietata Casale soprattutto con Ware che non ne sbaglia una. A tre minuti dalla fine del primo quarto il Poz schiera in campo 3 lunghi, Mason, Benevelli e Poletti, con Palermo da guardia e Battle da playmaker. C’è molta confusione in campo ed il gioco è spesso spezzettato dagli interventi arbitrali. Ad un minuto dal termine l’Upea si riporta sul meno 3 (15-18). La prima frazione si chiude sul 17 a 23 per Casale e non passerà certo alla storia per la più bella vista al Pala Fantozzi.

Secondo quarto: Parte bene l’Upea con un fantastico assist di Palermo per Battle che riporta i paladini sul meno quattro seguita da una schiacciata pazzesca del play americano che infiamma il Pala Fantozzi sul 21 a 23. Casale passa a zona ma nulla può contro il fantastico taglio di Portannese che porta l’incontro sulla perfetta parità (23-23). Otis George mette il più per l’Upea. L partita si infiamma ed è botta e risposta tra le due formazioni. A 5 minuti dall’intervallo lungo coach Griccioli è costretto a chiamare time out con l’Upea avanti di tre punti (31-28) con 14 a 5 di parziale nei primi 5 minuti del secondo quarto. A tre minuti l’Upea è ancora avanti 36 a 33 e grazie ad un’ottima difesa sull’attacco ospite riesce a portarsi sul più 7 in un amen (40 a 33). L’Orlandina riesce a mantenere il vantaggio con un finale di quarto strepitoso di Otis George. All’intervallo le squadre vanno negli spogliatoi sul 45 a 38 per i padroni di casa.

Terzo quarto: Casale rientra con maggiore determinazione dagli spogliatoi ed è subito parziale di 2 a 6 nel primo minuto. Fallo e canestro per Poletti che concretizza così un gioco da tre punti che riporta l’Upea sul più sei (50-44). Battle per due volte ha la possibilità di allungare il vantaggio ma un passaggio sbagliato e un tiro sul ferro vengono puniti dalla tripla di Green (52-47). Massimo vantaggio per l’Upea a 6 minuti dalla fine del quarto (55-47). Zona inefficace di Casale e Poletti la punisce per due volte consecutive (59-51). La tripla di George a 2 minuti dalla fine della frazione di gioca significa massimo vantaggio Upea (62-51). Il tiro sulla sirena di Battle entra e l’Orlandina chiude il quarto sul più undici (66-55).

Ultimo quarto: L’inizio di Battle è devastante. 5 punti in un minuto (22 realizzati), e l’Upea si porta sul 71 a 57. Benevelli ne piazza un’altra dai 6.75 portando i paladini sul più 15 (74-69). E’ sempre il solito Martinoni a cercare di mantenere viva la speranza con una tripla a 6 minuti e 50 secondi ma Mathis non perde tempo e replica da due con l’Upea ancora avanti di 14. Un tecnico fischiato a George a 6′ 11″ costringe il Poz a chiamare time out con il centro che commette così il quarto fallo. Malaventura fa uno su due riportando i suoi sul meno 10 e l’azione successiva d’attacco degli ospiti si spegne nelle mani di Ware. Non riesce ad approfittarne l’Upea che sbaglia con Mason (impalpabile per tutta la gara) e Malaventura punisce da tre. Risposta immediata di Battle dai 6.75 (79-69). A 4.30 Green riporta i suoi sul meno otto. Il pallone comincia a pesare e Casale si riporta sotto a 4 minuti grazie anche a qualche fischio discutibile (79-73). Fallo fischiato in attacco all’Orlandina che suscita le ire, peraltro pacate della panchina ma che costano comunque un altro fallo tecnico. Casale a 3′ e 22″ è sul meno 4 (79-75). Le distanze rimangono comunque invariate sino alla tripla di tabella di Ware che significa meno uno Casale. A 120 secondi fallo in attacco per Casale che sarebbe potuta passare in vantaggio e fallo tecnico alla panchina ospite che porta Taylor Battle alla lunetta (79-78). Due su due per il play guardia americano e possesso Upea (81-78). Altra tegola per casale a un minuto e cinquanta con l’uscita per 5 falli del lungo Butkevicius. Battle e Ware csotruiscono un meraviglioso botta e risposta (83-80). Portannese la mette da due e l’Upea riconquista palla in difesa mandando a schiacciare Mason (87-80) e mancano 41 secondi alla fine della partita. Stoppata di George sul tiro da tre di Casale e mamma butta la pasta sul 89 a 80 per i padroni di casa. Un disciplinato e stellare Mathis che ha dimostrato la propria intelligenza ed esperienza non facendo rimpiangere l’assenza di Passera, fa due su due dai liberi a 17 secondi dalla sirena (91-80). Chi lo avrebbe mai detto che contro la capolista ci sarebbe stato spazio anche per Bontempo Delise? Eppure così è stato per regalare la giusta standing ovation per i due veri protagonisti della gara Battle e Mathis. Punteggio finale 94 a 81 con i due punti di Delise sulla sirena.

Grande Upea al Pala Fantozzi che chiude alla grande una partita non cominciata benissimo.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close