cronaca-abruzzo_pesca-la-regione-anticiper-cassa-integrazione-a-marineria1

S. Stefano C.: primo congresso regionale ANAPI Pesca


Regionalizzazione dell’attività di pesca. Questo il tema principale del primo congresso regionale dell’ANAPI pesca, che si è svolto a Santo Stefano nei locali di Palazzo Trabia. All’incontro erano presenti i vertici dell’associazione, Piero Forte Presidente regionale dell’ANAPI pesca, Dante Epifani, vicepresidente, e Francesco Zizzo, direttore tecnico.
Tanti sono stati gli argomenti trattati nel corso dell’incontro, ma tra tutti la drammatica situazione che vive attualmente il settore della pesca, affamato ed impoverito. Sconfortanti i numeri che sono venuti fuori: 17.000 gli operatori del settore ittico attualmente in cassa integrazione e in stato di disoccupazione. E a tal proposito le accuse non mancano nei confronti dei sindacati che sembra non si siano, fino ad ora, per nulla preoccupati della forte crisi che sta colpendo il settore della pesca.
I divieti imposti dall’Europa e la poca incisività delle politiche ministeriali soffocano la pesca regionale ed aprono il nostro mare alle compagnie estere, viene detto nel corso del convegno, ed è questo il motivo principale che porta i pescatori a chiedere l’intervento immediato e definitivo della Regione. A quest’ultima chiedono che si faccia da garante, da intermediario in modo da far valere e rispettare i diritti dei pescatori a livello regionale, sopperendo in questo modo anche alla mancanza di una tutela sindacale.
E di regionalizzazione dell’attività di pesca si parla oramai da tempo, come mezzo che possa dare luogo a dei meccanismi più flessibili e che si adattino alle diverse realtà. Ed è quello che i diversi pescatori riuniti per il convegno hanno voluto unanimemente esprimere, ovvero che sia data loro la possibilità di lavorare serenamente, con la giusta tutela e un’apposita assistenza, per poter risollevare le sorti di un settore oramai al collasso.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close