minoranzarocca

Capri Leone: sei mesi di opposizione. relazione ai cittadini sull’attività svolta nel 2012


15 interrogazioni, 4 proposte di delibera consiliare, 2 proposte alla giunta, diversi emendamenti al bilancio, diversi ricorsi scritti di contestazione e  diverse segnalazioni con richiesta di intervento.
E’ questo il bilancio, di sei mesi di opposizione, dei cinque consiglieri di minoranza di Capri Leone Caputo, Raffiti, Conti, Triscari e Caranna.
“Non è facile – scrivono- fare i consiglieri di opposizione . La maggioranza, oltre ad avere il controllo del consiglio, può operare attraverso i poteri del sindaco e degli assessori. Inoltre essa ha a disposizione tutta la struttura comunale (mezzi, personale, risorse) e puo’ nominare esperti e consu-lenti esterni, se ne ha bisogno.
“Un consigliere di minoranza invece ha solo le sue energie. Gli tocca pedalare in salita per studiarsi tutte le delibere, richiedere le copie, presentare interrogazioni e proposte, muovendosi spesso in un ambiente che certamente non gli è favorevole, anche se bisogna riconoscere che il personale del comune di Capri Leone è abbastanza corretto e rispettoso verso di noi.”
“ Siamo orgogliosi-continuano- del lavoro che abbiamo fatto e riteniamo di avere smentito coloro che avevano previ-sto una nostra presenza meramente passiva e un ruolo puramente ostruzionistico.E’ importante però che i cittadini, a qualsiasi partito appartengano, apprezzino l’utilità di questo lavoro.  A tal fine vogliamo divulgare e far conoscere, attraverso questo breve riepilogo, alcuni atti che riteniamo meritevoli di attenzione, raggruppati per argomento, per facilitarne la consultazione.”Di seguito, il riepilogo dell’attività dell’opposizione, svolta  nell’anno 2012:

CONTESTAZIONE DEGLI ATTI DI SURROGA DEI CONSIGLIERI NOMINATI ASSESSORI
Già nel primo consiglio, appena eletta, l’opposizione ha avuto modo di contestare l’operato dell’amministrazione.
Due degli assessori nominati (Mancari e Calà), doven-dosi dimettere da consiglieri, non hanno voluto presen-tarsi in consiglio e giurare ed hanno dato le dimissioni da consiglieri con un atto informale consegnato nelle mani del sindaco e non protocollato.
L’opposizione ha contestato questo modo di fare, sia perché riteneva che essi, per rispetto del consiglio, do-vevano prima presentarsi e giurare, sia perché riteneva che le dimissioni non protocollate erano solo dei pezzi di carta privi di efficacia.

CONTESTAZIONI RELATIVE AL CONTO CONSUNTIVO DEL 2011
L’approvazione del conto consuntivo è un passaggio importantissimo per il controllo dell’amministrazione.Il comune di Capri Leone, come tutti i comuni, era obbli-gato ad approvare il rendiconto consuntivo dell’anno 2011 entro il 30.04.2012. Poiché, a distanza di tre mesi dalla scadenza, ancora non era stato neanche predisposto, la Regione ha invia-to un commissario (pagato a spese del comune).La minoranza ha criticato questo ritardo. Il sindaco, in risposta, ha giustificato il ritardo col fatto che erano an-dati persi i dati informatici nei computer dell’ufficio ragio-neria (cosa che, a nostro parere, era significativo di una ancora più grave inefficienza e trascuratezza). Predisposto il bilancio è stata infine fissata, per l’approvazione, la seduta consiliare del 27.08.2012. Dallo studio degli atti i consiglieri di minoranza hanno po-tuto rilevare diversi errori ed irregolarità che rendevano il rendiconto inaffidabile, specie in considerazione del fatto che, come affermato dallo stesso sindaco, gli archivi era-no andati persi (da dove provenivano quindi i dati usati ?)
In particolare l’opposizione rilevava che:
-in alcune pagine si poteva notare l’intestazione “COMUNE DI OLIVERI” al posto di quella “comune di Ca-pri Leone” (NB: il ragioniere aveva un doppio incarico e lavorava anche presso quel comune).
-in altre pagine era indicato che il comune di Capri Leone ha 2.168 abitanti e 18 dipendenti (in realtà anche questi sono dati relativi al comune di Oliveri).
-alcune rilevanti fatture di fornitori erano state contestate dal comune (iniziando una causa) e vi era il forte dubbio che tali contestazioni fossero fatte al fine di evitare di por-tarle al passivo ottenendo così un pareggio fittizio del bi-lancio (es. bollette ENEL non pagate per oltre 350.000 euro ed altri debiti).
-molte delle voci riportate come residui attivi, vecchie ed a carattere incerto, secondo noi non avevano consistenza ed erano inserite solo per forzare il pareggio del conto. Per tali motivi la minoranza ha votato contro il rendiconto e si è riservata di chiedere l’istituzione di una commissio-ne d’indagine al fine di accertare i reali debiti del comune.

CONTESTAZIONI SUL BILANCIO PREVENTIVO 2012 E SU ALTRE IRREGOLARITA’ CONTABILI
Il bilancio preventivo è lo strumento con il quale l’amministrazione stabilisce e programma come spendere le risorse economiche dell’ente. Giudicare un bilancio significa valutare il modo co-me un’amministrazione gestisce un’ente.
L’opposizione ha affrontato in modo approfondito la questione contestando all’amministrazione la cattiva gestione delle risorse comunali con partico-lare riferimento a: -giacenza di numerose fatture non pagate; -esistenza di debiti fuori bilancio volu-tamente non contabilizzati; -eccessivo ed illegittimo ricorso a mutui; -esistenza di gravi irregolarità con-tabili.
A)-Parlando di fatture non pagate facciamo riferi-mento ad impegni spesa assunti e non onorati:
-circa un milione di euro sono le fatture presentate dai vari fornitori del comune, non pagate e giacenti presso l’ufficio contabile (escluse Enel e Gemmo).
-oltre 350.000 euro sono le bollette ENEL non pa-gate, periodo 2008/2009 (per cui è stato notificato al comune anche un decreto ingiuntivo.)
-oltre 300.000 euro sono le fatture non pagate e-messe dalla ditta GEMMO (manutenzione e forni-tura energia dopo il 2009) e per cui è stato notifi-cato al comune altro decreto ingiuntivo.
B)-Parlando di debiti fuori bilancio facciamo riferi-mento a cause od a debiti esistenti ma non ancora quantificati (spesso volutamente). E’ impossibile fare un quadro chiaro e completo di tali debiti e delle cause. Possiamo fare solo qualche esempio:
-la quota del debito dell’ATO, che il comune prima o dopo dovrà certamente pagare, ammonterà ad una cifra che varia da un minimo di 3,7 milioni di euro fino a un teorico massimo di 8 milioni di euro.
-il debito in favore dell’avv. Parrinello, attualmente oggetto di causa, certamente ammonterà ad una cifra superiore ai 300.000 euro.
C)-Parlando di eccessivo ed inopportuno ricorso ai mutui facciamo riferimento al fatto che l’amministrazione continua ad inserire in bilancio numerose opere da eseguire con ricorso a mutuo.
Due esempi per tutti:
Nel bilancio 2012 si prevede la realizzazione, a Rocca, di un campo da tennis nel parco urbano e di un parcheggio nella zona della farmacia, attra-verso il ricorso ad un muto.
E’ evidente che l’opposizione non sarebbe contra-ria alla realizzazione di queste opere, se vi fossero dei fondi disponibili o se vi fossero dei finanzia-menti,
E’ contraria invece, e se ne prende la responsabili-tà, alla loro realizzazione con ricorso a mutui. Un comune a cui mancano le risorse per pagare le bollette della luce e le fatture dei beni già acquistati non può permettersi di continuare a fare debiti: pri-ma deve pensare a pagare quelli esistenti.
Infatti la minoranza ha presentato due emenda-menti al bilancio per impedire la loro realizzazione. Essi, naturalmente, sono stati respinti.

IRREGOLARITA’ CONTABILI
Un capitolo a parte meritano le interrogazioni per conte-stare numerose irregolarità contabili. In particolare:
1)-esistenza di numerose delibere di impegno spesa della Giunta nelle quali non viene indicato il capitolo di bilancio su cui grava la spesa stessa (con possibile nullità degli atti e responsabilità contabile).
2)-esistenza di numerose delibere di giunta che impe-gnano delle somme superiori a quelle previste in bilan-cio (sforamento dei capitoli di spesa).
3)-utilizzo illegittimo di fondi provenienti da mutuo per lavori di manutenzione ordinaria e di pulizia delle strade (cosa vietata dalla legge).
Tali questioni sono ancora tutte in corso di esame.

ALTRE PROPOSTE ED INTERROGAZIONI PRESENTATE
L’opposizione ha presentato numerose altre proposte ed interrogazioni su varie materie:
-Interrogazione sul ritardo lavori al campo sportivo.
-Interrogazione sul cattivo stato dei giochini in piazza Faranda e piazza Mattarella.
-Interrogazione sul commissariamento per la mancata adesione alle nuove società di ambito (SRR).
-Proposta per la ristrutturazione del campetto di c.da Marzolino a Capri Leone centro.
-Proposta per attrezzare la sala consiliare con microfo-ni, stampante e collegamento internet wifi.
-Proposta per la realizzazione di un attraversamento pedonale sicuro in piazza Mattarella.
-Proposta di regolamento per le riprese audio-visive del-le sedute consiliari.
-Proposta di regolamento dell’isola ecologica.
-Proposta per un carnevale con gruppi in maschera, a tema, con premiazione delle migliori maschere.
-Proposta per la trasparenza ed il miglioramento del sito internet istituzionale del comune.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close