crocetta

S. Stefano C.: il “Megafono” di Crocetta inaugura la sede elettorale


Inaugurata a Sansto Stefano la sede elettorale del candidato al Senato, con lista Il Megafono di Crocetta, Giuseppe Antoci.
Dopo la recente esperienza elettorale delle regionali, i candidati di questa lista intendono dare continuità ad un percorso di rivoluzione che, iniziato dalla Sicilia possa giungere anche in Senato. Un progetto di profondo cambiamento quello che viene portato avanti in questa nuova campagna elettorale, reso possibile da rappresentanti onesti e capaci, com’è stato più volte detto nel corso dell’evento, al quale hanno preso parte, oltre al Sindaco della cittadina delle ceramiche, Francesco Re, anche il Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta.
Antoci, che fino ad oggi non aveva pensato ad un proprio coinvolgimento in politica, ha dichiarato, si è ritrovato a sposare questa scelta grazie al coinvolgimento di un uomo come Crocetta. “ E’ stato lui, continua Antoci, che mi ha convito ad accettare questa candidatura, a sposare un progetto di legalità, di novità; la nostra del resto è una lista di società civile, fatta di persone che non hanno mai avuto a che fare con la politica, che vogliono portare all’interno di questa compagine la loro storia, la loro esperienza e il loro contributo”.
Un momento importante per la valorizzazione e la rivalutazione del territorio, come ha voluto sottolineare nel suo discorso il Presidente Crocetta, un territorio che oggi ha la possibilità di essere rappresentato da due personalità, continua Corcetta, Antonio Presti, grande orgoglio della Sicilia, e Giuseppe Antoci, un uomo che vuole contribuire ad attuare quella battaglia di rinnovamento, che il presidente stesso definisce rivoluzione, rivoluzione della dignità del popolo siciliano.
E alla possibilità di riscatto offerta al territorio, fa anche riferimento Antoci, il quale ricorda come paradossalmente il suo stesso territorio abbia avuto una rappresentanza politica che avrebbe potuto garantire maggiore tutela e sviluppo, ma basta guardarsi intorno, continua Antoci, guardare le infrastrutture, i trasporti, il problema della crescente disoccupazione, per rendersi conto di come fondamentalmente gli interessi siano andati oltre.

“Noi abbiamo tanto, dichiara ancora Antoci, dal punto di vista paesaggistico, culturale, potremmo avere la possibilità di un futuro eccellente; abbiamo bellezze inestimabili, che tutti ci invidiano. Bisognerebbe soltanto sfruttarle tendo presente due semplici principi: l’onestà e la correttezza”. E ricordando gli obiettivi raggiunti con esemplare impegno nei pochi mesi del governo Crocetta, Antonoci dichiara la propria fiducia nei siciliani, i quali anche in questa occasione apriranno gli occhi e dimostreranno che questa non è la Sicilia della corruzione, della mafia, ma è la Sicilia della gente per bene, che andrà al Senato della Repubblica per dimostrare che l’esempio del governo regionale siciliano può diventare l’esempio per il governo nazionale.
Nel corso della serata sono stati poi delucidati i punti fondamentali di quello che sarà il programma elettorale dei candidati con la lista “Il megafono”, un movimento quest’ultimo che mira a creare la possibilità di costruire una società basata su valori e principi di libertà, giustizia, eguaglianza e progresso. Alla base delle motivazioni che spingono i candidati a partecipare alla futura tornata elettorale, la voglia di valorizzare la propria autonomia legislativa. Non più un’autonomia rivendicazioni sta e utile solo a salvaguardare i privilegi delle caste siciliane, si legge nel programma elettorale del partito, ma che sia una risorsa per affrontare i problemi di una questione meridionale e nazionale finora irrisolta. “La nostra è una Sicilia nuova, affermano unanimemente il candito Antoci e il Presidente Crocetta, una Sicilia fatta di eccellenze, di legalità, di lotta al malaffare. Una terra che desidera affermare con forza la propria dignità e giocare il ruolo che gli compete in ambito nazionale, europeo ed internazionale”.
Ed il sostegno ad un simile progetto politico non può mancare, come ha voluto evidenziare il primo cittadino nel corso del suo intervento, soprattutto da parte del nostro territorio che ha oggi un motivo in più per credere in un disegno politico che ha fatto del rinnovamento e del cambiamento il suo punto di forza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close