foto

Piraino. Tra finzione e realtà. La “prima” della Scuola di Cinema e Teatro

Finzione o realtà? Realtà nella finzione o finzione nella realtà? C’era questo e tanto altro ancora nella prima rappresentazione della Scuola di Cinema e Teatro di Piraino, nascente appendice della Scuola Civica di Musica Comunale.    Il regista pirainese Italo Zeus, nonché docente dell’accademia teatrale, ha messo in scena una delle più importanti opere di Pirandello, “Sei personaggi in cerca d’autore”, adattato in chiave moderna, in modo da rendere più leggeri i delicati temi del “metateatro” pirandelliano. Soddisfatto per il lavoro svolto fin’ora Zeus ha anticipato che la Scuola di Cinema e Teatro ha in serbo tante iniziative, da stage a nuove manifestazioni, che vedranno coinvolti gli allievi pirainesi.

Protagonisti della piéce 8 attori in erba, allievi della Scuola di Cinema e Teatro di Piraino, la cui età varia dai 6 ai 16 anni: Gloria Anastasi nei panni della prima attrice indispettita dall’arrivo dei sei personaggi; Eleonora Campisi che ha interpretato il capocomico incuriosito da alcuni “inquietanti” personaggi; Francesca Cortolillo ha rivestito il doppio ruolo di un irritato figliastro e di una Madama Pace in stile cyber-punk; Erica Ferro nella doppia veste di madre affranta e psicologa attenta; Matteo Palmeri ha interpretato invece il padre divorato dai sensi di colpa e infine Giulia Spurio ha vestito i panni della figliastra adirata e piena di rancore.

I personaggi, entrati sulla scena con un dramma dai toni farseschi e melodrammatici, hanno attirato l’attenzione del capocomico che ha tentato di tirarne fuori l’essenza, facendogli prendere forma in una nuova rappresentazione, di cui essi sarebbero stati gli spettatori di se stessi. Ma si può rinunciare ai propri drammi e far si che qualcun altro ne dia la sua personale lettura? Può una persona diventare semplicemente personaggio? Siamo noi stessi la rappresentazione di un copione di cui si disconosce l’autore? Tanti i quesiti e i temi che la complessa rappresentazione ha scaturito negli spettatori presenti nella sala pirainese. L’interpretazione autentica e sentita dei giovani attori pirainesi e l’adattamento del regista Italo Zeus hanno permesso di riflettere sull’aspetto dicotomico di verità e finzione, sui confini dell’uno e dell’altro, cercando di coglierne l’attualità, cercando di fare un paragone doveroso con la nostra società dove forma e sostanza, essenza e materia divengono, molto spesso, difficili da definire e carpire.

Piacevolmente soddisfatto il pubblico presente in sala. La scuola di Cinema e Teatro esordisce con successo e con un potenziale altissimo, racchiuso negli splendidi “piccoli” attori che ne fanno parte, la cui bravura andrà sicuramente valorizzata.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close