bis

Sant’Agata M.llo: ricordato all’ITIS “E. Torricelli” lo scrittore Vincenzo Consolo

Sono stati i giovani i protagonisti del ricordo-omaggio a V. Consolo, ad un anno dalla sua scomparsa, oggi, presso l’Aula Magna dell’ITIS sito in Via Vallone Posta. Presenti alla manifestazione il fratello di Vincenzo Consolo, Melo, il nipote Carlo, le nipoti Lella e Luciana e la cognata Saretta.

A dare il benvenuto  la Dirigente, prof.ssa Rosalia Lanza: «l’ITIS “E. Torricelli” ricorda con grande commozione e con orgoglio V. Consolo per il privilegio di averlo ascoltato in questa Aula Magna in una conferenza rivolta ai giovani di questa scuola organizzata dal suo caro nipote e nostro professore, il compianto, Rino Bartolone».

«Questa scuola – continua la prof.ssa Lanza – vuole rendere omaggio a Consolo approfondendo la sua conoscenza di grande autore siciliano, di valenza internazionale, imparando ad apprezzare le sue opere che conducono con tono nostalgico alla conoscenza dell’amata Sicilia, sua terra d’origine, della quale egli scrive costantemente». La Dirigente conclude il suo intervento con una brano tratto da “Pietre di Pantalica” di V. Consolo.

Subito dopo l’intervento della Dirigente ha avuto luogo la proiezione di un video con le immagini del funerale dello scrittore santagatese avvenuto il 23 gennaio 2012, presso la Chiesa del Sacro Cuore di S. Agata M.llo.

La promotrice ed organizzatrice dell’evento, la prof.ssa Mariangela Gallo (nella foto sopra), visibilmente emozionata, ha ricordato ai presenti il messaggio di cordoglio giunto ai familiari da parte del Presidente della Repubblica. Inoltre, la Gallo ha più volte sottolineato:«questa manifestazione vede protagonisti i  giovani  i quali rendono omaggio ad un grande della letteratura italiana».

Fra canti eseguiti dal prof. Cappello, recite di brani tratti dagli scritti di Consolo e rappresentazioni, gli studenti hanno messo in atto una piacevole e al tempo stesso interessante manifestazione.

Di grande effetto, anche, la testimonianza di un ex alunno, Salvatore Oddo, il quale ha intervistato lo scrittore Consolo per preparare un video che ha presentato in commissione di esami di maturità.  «Vincenzo Consolo è vivo tra noi attraverso le sue opere – ha più volte ripetuto Oddo – Ho un bel ricordo di lui, della sua disponibilità e soprattutto della sua grande cultura».

Prima dei saluti conclusivi a prendere la parola il fratello dello scrittore Vincenzo, Melo (nella foto in basso con la Dirigente)  il quale con la voce rotta dall’emozione ha ricordato momenti della vita trascorsa insieme come per esempio gli studi a Barcellona. «Mio fratello – ha detto il signor Melo – amava la Sicilia. Amate la vostra terra cari giovani. Lui amava molto i giovani, infatti, ha voluto che i suoi libri, e sono tanti, venissero donati proprio ai giovani per la loro crescita culturale».

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close