Palermo_poz_pp

C.d’Orlando: L’Upea cerca il riscatto domani a Scafati

Mentre la stessa Imola con cui l’Orlandina ha perso domenica scorsa ha battuto ieri sera Trieste nell’anticipo di Legadue, raggiungendo dunque l’Upea a quota 8 punti e ricacciandola in fondo alla classifica nel campionato di Legadue, i paladini continuano gli allenamenti e sono partiti fiduciosi in pullman per quello che sembra un viaggio della speranza (con una ruota forata a Villa San Giovanni) alla volta di Scafati, per affrontare una squadra che, a detta di coach Pozzecco, “è priva di difetti”.

Nella consueta conferenza stampa pre-gara il Poz ha parlato della gara persa in Romagna: “Imola non era in fondo così scarsa come si pensava, credevamo fosse una partita che non potevamo perdere ed eravamo sotto pressione, abbiamo sbagliato l’atteggiamento. Il campionato è molto equilibrato, Imola era una squadra normale a cui mancava Marigney, ma aveva Frassinetti, che sta giocando bene, ricordiamoci che ha vinto a Ferentino e ha perso contro Pistoia dopo un supplementare.
Noi siamo una squadra giovane, dobbiamo imparare che si vince e si perde, bisogna avere la capacità di somatizzare anche le sconfitte, reagire e trovare una forma di positività. Se avessimo vinto ovviamente saremmo qui a parlare di decimo posto.”

La Givova Scafati è una squadra che gioca bene insieme e ha una panchina molto lunga, le bocche di fuoco sono sicuramente la guardia D’Wayne Mays (19 punti di media a partita) e il centro Ron Slay (17.3 punti e 9 rimbalzi di media). Per il play argentino Antonio Porta sarà la seconda gara dopo lo stop di tre mesi, l’ala Patrick Baldassarre, tra gli artefici della promozione in Serie A con Romeo Sacchetti nel 2009/10 sta facendo molto bene realizzando 9 punti di media a partita, a chiudere il quintetto l’ala Andrea Ghiacci (ex Sigma Barcellona), che quest’anno ha trovato grande continuità e affidabilità.
“È stata una settimana tranquilla – continua coach Pozzecco -, dobbiamo ritrovare quella spensieratezza che ci aveva accompagnato e che era stata la nostra fortuna, che purtroppo abbiamo perso in seguito ad una serie di cose, come l’infortunio di Benevelli, che mancherà per altre due partite. Sono convinto che siamo una buona squadra, io e Giuseppe Sindoni abbiamo scelto insieme Anthony Mason e crediamo che sia un buon giocatore, non di certo quello che abbiamo visto ad Imola, dobbiamo solo dargli il tempo di inserirsi.”

In conferenza stampa anche Matteo Palermo, uno dei pochi ad essersi salvato dalla disfatta della trasferta di Imola: “Scafati non è di certo una delle partite più facili, sappiamo che abbiamo perso due punti importanti ad Imola, ma dobbiamo andare a Scafati fiduciosi. È importante credere nei playoff per dare un senso al nostro campionato e soprattutto per avere visibilità. Mi sono trovato molto bene qui a Capo d’Orlando, ho un contratto 1+1, l’eventuale rinnovo sarà una decisione da prendere insieme alla società alla fine della stagione.”

L’Orlandina Basket ha compiuto inoltre due operazioni di mercato, ha infatti ceduto in prestito fino al termine della stagione il playmaker Tomas Caula (classe ’92) alla formazione di DNC della Stella Azzurra Viterbo ed ha esercitato la clausola per il rinnovo del contratto dell’atleta Donte Mathis fino al termine della stagione. Il playmaker americano (naturalizzato italiano per aver sposato una calabrese), arrivato a Capo d’Orlando per sostituire l’infortunato Marco Passera, si è da subito rivelato un elemento essenziale per la squadra, grazie al suo carisma e alla sua leadership, sia in campo che fuori. Le sue statistiche al momento parlano di 7.1 punti, 2.5 rimbalzi e 2.8 assist in 26′ di media a partita.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close