capo d'orlando_pp

C. d’Orlando: meno arrivi più presenze a dicembre


Capo d’Orlando vive ancora di turismo? Domanda legittima se si considera l’ennesimo calo registrato negli arrivi relativi all’ultimo mese dello scorso anno. Anche se le presenze sono aumentate del 7,23% a dicembre, dato in ogni caso contro tendenza rispetto alla crisi del settore in campo nazionale, va analizzato il numero reale dei turisti che decidono di trascorrere le proprie vacanze a Capo d’Orlando. Anche perché difficile chiamare turisti i rappresentanti che sistematicamente alloggiano negli alberghi orlandini, le squadre di basket ospiti che giocano al Pala Fantozzi, e tra loro naturalmente gli stranieri che vengono censiti come tali. Insomma chi viene a Capo d’Orlando per trascorrere realmente delle vacanze?

Difficile se non impossibile stabilirlo. Una certezza è la situazione a livello nazionale veramente preoccupante. Aeroporti sempre meno affollati, alberghi praticamente vuoti, affittasi e vendesi ovunque. La crisi c’è e si sente e Capo d’Orlando naturalmente non fa eccezione. Il dato relativo all’aumento delle presenze, cioè riguardante la lunghezza del soggiorni dei “turisti” arrivati, è si contro tendenza e potrebbe realmente rappresentare una buona base sul cui riflettere e lavorare per cercare di salvare il salvabile in attesa di tempi migliori.

Altro dato da non sottovalutare la chiusura di numerose strutture ricettive ormai a chiara vocazione stagionale. Merito a chi rimane aperto anche nei mesi invernali nonostante i sacrifici e la scarsa affluenza.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close