images

Lipari: sala parto chiusa, bonus di 3000 euro alle residenti costrette a partorire fuori sede

Nonostante le numerose proteste ed i ricorsi, all’Ospedale di Lipari, il punto parto, è ancora chiuso. Le partorienti, pertanto, sono costrette a trasferirsi in altri ospedali, con notevoli disagi e spese.

“Devo decidere dove andare per fare nascere mio figlio – afferma una di esse in attesa del suo primo bambino – a Lipari non è possibile. E’ assurdo, ciò significa che qualcuno dei miei familiari sarà costretto a viaggiare o trasferirsi insieme con me”. “In questo tempo di crisi – commenta la madre della stessa – mettere al mondo un figlio è già un’ impresa, a Lipari poi neanche si può nascere”. “Come si può costringere una famiglia- afferma un’altra partoriente- a trasferirsi per far nascere un figlio. Chi paga le spese?”

A riguardo, per venire incontro ai disagi inevitabili  provocati dagli spostamenti necessari negli ospedali di Milazzo, Patti o Messina,  arriva la decisione del Presidente della Regione, Rosario Crocetta: “le partorienti delle isole minori siciliane, costrette a far nascere i loro figli in terraferma, usufruiranno di un bonus di 3 mila euro”.  Ovviamente lo stesso bonus andrà alle partorienti di Pantelleria.

Certo, questa non è la soluzione migliore  ma per far fronte ai disagi ed alle spese sarà quanto mai vantaggiosa.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close