Festa 1

S.Agata M.llo e C. d’Orlando: festeggiamenti in onore di Santa Lucia


Ieri a Sant’Agata Militello, fra il suono delle campane in festa, il fragore dei mortaretti, e il grido “Evviva Santa Lucia” ha avuto inizio la tradizionale processione con il simulacro della Santa vergine e martire siracusana, per le vie cittadine.

Presenti al corteo processionale, i ministranti della parrocchia, il parroco, don Geatano Franchina, con in mano il reliquiario della Santa, don Bendetto Lupica, don Vincenzo Rigamo, il sindaco, dott. Bruno Mancuso, il  Comitato Festa,  autorità civili e militari (erano presenti, anche, alcuni carabinieri in congedo).

Durante il tragitto processionale (durato circa due ore e mezza)  le marce eseguite dal Corpo bandistico “Giuseppe Verdi” del luogo si sono alternate a canti, preghiere e riflessioni sulla vita della Santa.

Il culmine di tutta la festa è stata certamente, dal punto di vista religioso, la solenne Celebrazione Eucaristica, nella Chiesa “San Francesco”, presieduta da don Antonio Gentile, parroco della parrocchia Sacra Famiglia di Catania, gemellata con la parrocchia S.Lucia, da ben 33 anni. A concelebrato con lui, don Gaetano Franchina, e don Benedetto Lupica. Durante l’omelia, don Gentile, ha più volte richiamato l’attenzione dei fedeli sull’importanza dell’Eucaristia.

Al termine della messa, il parroco, don Gaetano Franchina, prendendo la parola ha ringraziato quanti si sono adoperati per la riuscita della festa; un ringraziamento è stato rivolto, anche all’Amministrazione Comunale per la realizzazione della nuova chiesa “S.Francesco”: “grazie a questa struttura – ha detto don Franchina – i  fedeli hanno potuto partecipare meglio alla celebrazione, guardando tutti verso l’altare”.

Conclusa la celebrazione il simulacro con la statua ha raggiunto la chiesa S.Lucia; durante il tragitto, gli attesi fuochi pirotecnici. Giunti in chiesa, la solenne benedizione impartita con le reliquie della Santa. A conclusione dei festeggiamenti un momento di fraternità.

Spettacolari i giochi di artificio che hanno invece chiuso i festeggiamenti nell’omonima contrada di Capo d’Orlando. Dopo infatti la riuscita celebrazione eucaristica e l’intrattenimento musicale che coinvolto numerosi cittadini i giochi pirotecnici hanno incantato chiudendo adeguatamente una ottima manifestazione.

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close