esperia_pp

COME DA PRONOSTICO L’ESPERIA ESPUGNA MESSINA


L’Irritec Esperia Orlandina espugna il PalaRescifina e si aggiudica (come da pronostico) il derby con il fanalino di coda Forte Gonzaga Messina. Mister Lenzo lascia a riposo Chiaromonte e deve rinunciare a Pirani (problemi ad una caviglia) Rizzo (virus influenzale) e Parisio, mentre fa il suo ritorno in campo – dopo un lungo problema muscolare – capitan Fragapane. Lo starting-seven schierato in campo vede Giulio in porta, Palmeri in cabina di regia, Italiano e Torre terzini, Gazia e Ioppolo Ali e Ipsaro pivot.
Gara mai in discussione, con i rosanero che conducono sin dalle prime battute. Al 5’ il primo mini-break spinge i paladini avanti sul 4-1. Il match scivola via in maniera nervosa (il “merito” è della coppia arbitrale, che non riesce a gestire le due squadre), a farne le spese è Antonio Ipsaro, fuori per una brutta botta al ginocchio, in campo sale la tensione. Tra il 20’ ed il 28’ ennesimo strappo degli ospiti, che piazzano un 7 a 0 con Italiano, Torre e Caracciolo per il 6-17. Nel finale l’ennesimo pericoloso fallo di De Domenico su Capria (entrata in scivolata sul piede d’appoggio) non viene incredibilmente sanzionato dagli arbitri, aggiungendo altro nervosismo in campo e fuori.

Nella ripresa non cambia il leitmotiv del match, le ultime battute del match vedono ancora nervosismo in campo con De Domenico, nuovamente protagonista in negativo, che rifila una ginocchiata al basso ventre ad Italiano a gioco fermo, provocando la reazione del terzino paladino e l’inevitabile rosso per entrambi. Nei trenta secondi finali ancora un fallo duro del Messinese Pantano, che colpisce con una gomitata Torre, ennesima reazione ed altri due rossi. La gara si conclude sul 16-38 in favore dell’Esperia Handball, ma le espulsioni dei rosanero mandano su tutte le furie coach Lenzo, che vede così indebolirsi il reparto terzini in vista del match casalingo con la capolista Albatro Siracusa (autentico schiacciasassi con 5 vittorie in altrettante gare). “Pensavo di avere in mano una squadra matura e capace di gestirsi – dichiara coach Lenzo -, ma è evidente che i fatti mi diano torto. Prendo atto di aver sopravvalutato la maturità e l’intelligenza dei miei ragazzi: l’inettitudine arbitrale e gli interventi scomposti dei nostri avversari non possono giustificare ciò che è successo nel finale. Eravamo ad un bivio per il nostro campionato e siamo riusciti a gettarci la zappa sui piedi, atteggiamento intollerabile sia da parte mia che della società. Prenderemo i giusti provvedimenti”.
Il doppio impegno casalingo (la capolista Albatro sabato 1 dicembre ed il Giovinetto Marsala sabato 8 dicembre) ed il rush finale di dicembre potrebbero essere un trampolino di lancio per i rosanero nel risalire la china ed ambire a posizioni di prestigio.

Il tabellino:
Forte Gonzaga Messina: De Domenico P. 9, De Domenico F. 2, Ruggeri S. 3, Ruggeri F. 2, Fortuna, Pantano, Sibilla, Spadaro, Frassica, Altavilla, Interdonato, Cancellieri.
Irritec Esperia Orlandina: Capria, Caracciolo 2, Costa 2, Fragapane 2, Gazia 1, Giulio, Ioppolo 2, Ipsaro Passione, Italiano 13, Minissale 5, Palmeri 3, Torre 7, Giglia 1.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close