carabinieri_pp

MINACCIA MOGLIE E FIGLIE IN CASA CON UNA PISTOLA, ARRESTATO


Questa notte a Tortorici, i Carabinieri hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, L.P., 58enne del posto, bracciante agricolo, incensurato, per resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni, violenza privata, porto illegale di arma da fuoco e detenzione illegale di munizioni.

Intorno alle 22.30 di ieri sera è giunta una chiamata al 112 da parte di una ragazza, la quale chiedeva l’intervento dei Carabinieri perché il padre aveva barricato in casa lei, sua sorella e sua madre, minacciandole di morte con una pistola legalmente detenuta.

Da una ricostruzione dei fatti, l’uomo era sotto l’effetto dell’alcool e per futili motivi, ha incominciato a inveire contro la moglie minacciandola, colpendola al volto e sparando in aria alcuni colpi di arma da fuoco.

Le figlie, sentite le urla, hanno subito richiesto l’intervento dei Carabinieri, che giunti presso sul posto, hanno accerchiato la casa, consentito alle donne di mettersi in salvo – uscendo da una porta secondaria dell’abitazione- e dopodiché,  sono riusciti a bloccare il soggetto e a trarlo in arresto.

All’uomo sono state sequestrate in via preventiva, oltre alla pistola utilizzata per le minacce, anche altre armi che deteneva legalmente e le relative munizioni, alcune delle quali detenute invece illegalmente.

Il 58enne, considerato che aveva il porto d’armi ormai scaduto da tempo, dovrà rispondere, oltre della violenza privata e resistenza a Pubblico Ufficiale, anche di porto illegale d’armi per essere uscito fuori dalla propria abitazione con la pistola.

Giudicato con rito direttissimo nella mattinata odierna, il Giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari nel Comune di Catania.

 

 

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close