megafono15

LA TUA OPINIONE – DOPO SOLO UN ANNO DALLE ELEZIONI E’ CRISI NELLA MAGGIORANZA


L’accesissimo Consiglio Comunale di giovedì scorso, durato ben 5 ore e seguito da numerosi cittadini, consegna ai galatesi due amare novità.

La prima: l’ordine del giorno, presentato dal gruppo di minoranza, con il quale si è chiesto al Sindaco di impegnarsi ad adottare tutte le misure necessarie al fine di evitare ai genitori galatesi il pagamento di parte delle somme per il trasporto degli studenti non è stato approvato.

Hanno votato contro (e non si capisce bene il perchè) i consiglieri comunali di maggioranza Vicario Barbara, Campisi Caterina, Fazio Salvatore, Truglio Giacomo (Zac), Antonio Parafioriti (’86) Francesco Emanuele ed il presidente Gaetano Emanuele (a favore, al contrario, i 6 consiglieri di minoranza proponenti e il consigliere di maggioranza dott.ssa Mariarita Smiriglia molto sensibile al problema).

Ma facciamo un passo indietro. Con deliberazione di Giunta n. 105 del 11 settembre scorso, l’Amministrazione comunale ha deciso di accollare alle famiglie galatesi il 30 % della spesa del trasporto degli studenti (240 euro a studente). Sollecitato da numerosi genitori, il gruppo di minoranza consiliare “Vivere Galati” ha ritenuto opportuno contestare la scelta dell’amministrazione ed ha richiesto un Consiglio Comunale straordinario al fine di trovare una soluzione alla difficile problematica.

“La  scellerata scelta dell’amministrazione – come dichiarato in aula dal capogruppo Vincenzo Amadore – di richiedere alle famiglie galatesi ulteriori sacrifici economici, non solo è in controtendenza rispetto alle scelte adottate nei paesi limitrofi (i comuni di Alcara Li fusi, San Salvatore di Fitalia e Tortrici per citarne alcuni   – ricordiamo – hanno deciso di non richiedere alcuna somma per il trasporto ai propri cittadini!) ma conferma, a differenza di quello che sostengono il Sindaco e l’assessore al bilancio, l’esistenza di una situazione disastrosa delle casse dell’Ente conseguenza di una gestione sconsiderata delle risorse economiche (peraltro sempre denunciata dal gruppo di minoranza) che ha caratterizzato l’Amministrazione Natale. Non è un caso che il Comune di Galati Mamertino abbia chiuso il Bilancio 2011 con un avanzo di soli 5 mila euro, non ha ancora potuto predisporre il Bilancio di previsione 2012 e manca del tutto di liquidità (ragione per cui si ricorre alle tasche dei cittadini).  Alla luce di queste considerazioni – conclude il consigliere Amadore – abbiamo chiesto, al Sindaco, alla Giunta ed ai colleghi consiglieri, di dare un segnale forte alla cittadinanza e di rinunciare (anche solo fino a Dicembre) alle indennità di carica ed evitare, così, il pagamento dei costi di trasporto pubblico alle famiglie galatesi manifestando, peraltro, la disponibilità del gruppo di minoranza di fare lo stesso con i gettoni di presenza del consiglio comunale. Purtuttavia, prendiamo atto con rammarico che le nostre proposte non sono state prese minimamente in considerazione”.

Nella medesima seduta consiliare i componenti della minoranza hanno contestato non solo l’opportunità politica ma la validità stessa degli atti adottati dalla Giunta. Secondo il Consigliere Enrico Giardinieri “la deliberazione con la quale si è richiesto il pagamento di parte degli importi del trasporto pubblico ai cittadini galatesi, presenta evidenti profili di illegittimità. Riteniamo, infatti, che tale deliberazione sia stata adottata in violazione dell’art. 1 della legge Regionale n. 24/73 la quale prevede espressamente l’obbligo per la Regione, attraverso i Comuni, di garantire la gratuità del servizio di trasporto degli studenti in virtù di quel diritto alla studio costituzionalmente garantito. Inoltre il decreto del Ministrero dell’Economia e Finanza 83 esclude chiaramente il servizio di trasporto pubblico tra quelli cosidetti ‘a domanda individuale’ per i quali un Ente deve e può richiedere la compartecipazione dei cittadini. Alla luce di queste considerazioni ed ascoltando anche il parere di numerosi esperti, il nostro gruppo – conclude Giardinieri – ha richiesto l’immediato annullamento in autotutela della deliberazione n. 105 e la restituzione ai genitori di quanto già versato. Richiesta che sarà formalizzata al Segretario comunale ed agli organi di controllo già nelle prossime ore”.

Acceso dibattito, infine, hanno creato le comunicazioni del Sindaco in ordine alla revoca del suo vice (designato in campagna elettorale) ed alla contestuale nomina ad assessore del Consigliere Comunale Caterina Campisi (nuovo Vice Sindaco) in applicazione della legge Regionale sulle quote rosa per la cui osservanza il gruppo “Vivere Galati”, a ragione, si è tanto battuto negli ultimi mesi. Come è noto, da alcuni mesi ormai, la maggioranza consiliare presenta evidenti difficoltà politiche (non riuscendo neppure a garantire il numero legale utile per tre Consigli Comunali consecutivi) e si è vista bocciare diverse proposte come, nell’ultimo civico Consesso, la modifica al Piano Triennale delle opere pubbliche presentata dal Sindaco (7 voti contrari e 7 favorevoli).

“La scelta del Sindaco (impegnatissimo a cercare consensi altrove) di revocare il suo Vice ed inserire una donna in giunta, pur dettata dalla Legge e richiesta con fermezza dal gruppo di minoranza – sostengono i consiglieri di “Vivere Galati” – evidenzia l’esistenza, all’interno dell’esecutivo, di soggetti ‘intoccabili’ e manifesta la fragilità di una maggioranza pronta ad implodere. Ecco perché le dichiarazioni del sindaco su una ‘turnazione’ degli assessori oppure sulla incredibile nomina ‘a tempo’ del nuovo vicesindaco (in carica fino a gennaio come dichiarato dallo stesso Primo cittadino!), appaiono essere più delle promesse elettorali (magari utili ad evitare critiche e defezioni) che delle concrete scelte di indirizzo politico-amministrativo.

Indipendentemente dalla farsa a cui quotidianamente sono sottoposti i galatesi – concludono i consiglieri di minoranza – il gruppo “Vivere Galati” continuerà, sempre e comunque, ad avanzare idee e proposte utili allo sviluppo e alla crescita del nostro comune auspicando che tali idee e proposte siano condivise da tutti quei consiglieri comunali il cui unico interesse è Galati Mamertino ed i suoi cittadini”.

Gruppo di Minoranza Consiliare

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close