Foto di scena01 con Salvo Dolce

UN SUCCESSO A VILLA PICCOLO LO SPETTACOLO TEATRALE “ARCANI MAGGIORI”

A Villa Piccolo per una sera le suggestioni del teatro hanno incontrato la magia e il mistero dei Tarocchi con lo spettacolo teatrale “Arcani maggiori”, rappresentato nei giorni scorsi su testo del giornalista Alberto Samonà, con la regia di Patrizia D’Antona, in scena insieme all’attore Salvo Dolce. Le scenografie sono state curate da Ambra Gioia.

“Arcani maggiori” ha guidato gli spettatori in un viaggio fra i ventidue tarocchi, attraverso un dialogo a due voci, intervallato e accompagnato da musiche ad effetto, condotti all’interno del magico universo delle carte. Protagonista della storia è “Io”, uomo comune con la passione per l’esoterismo che dopo vane riflessioni sulla propria condizione si mette a dormire. Nel sonno incontra una donna, la Regina di Saba, che lo prende per mano e lo conduce in questo viaggio fra i ventidue Arcani maggiori E così, i due, fianco a fianco, o meglio da differenti posizioni interiori, si sono incamminati, incontrando, nel loro peregrinare, i soggetti raffigurati nei tarocchi: entrano dunque in scena tutte le carte, dal bagatto all’eremita, dal papa all’imperatore, dall’appeso al matto, che rappresenta la carta finale e più misteriosa di tutte.

Il pubblico, numeroso e attento, ha mostrato di gradire l’interpretazione del testo di Samonà da parte dei due attori, che sono riusciti a rendere chiari e manifesti i significati esoterici contenuti nelle carte, visti quali simboli per comprendere la condizione interiore dell’essere umano. Lo spettacolo è stato, dunque, l’occasione per scoprire il gusto di un viaggio iniziatico all’interno di sé, un viaggio misterioso, perché chi lo intraprende conosce solamente il punto di partenza, ma non la destinazione.

Il viaggio fisico, tuttavia, è stato anche l’occasione per rivolgere anche un invito al pubblico di guardare al di là delle proprie convinzioni, delle proprie certezze, per entrare in un universo nel quale tutto appare differente da ciò che si riteneva in precedenza, per trovare infine la porta che conduce alla verità.

Lo spettacolo, prodotto dall’associazione teatrale Pettinante, è stato inserito nel ciclo “Le Porte del Sacro-Identità in cammino”, rassegna organizzata dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella nell’ambito delle manifestazioni del Circuito del Mito, promosse dall’assessorato regionale al Turismo Sport e Spettacolo.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close