suora_pp

50 ANNI DI PROFESSIONE PERPETUA DI SUOR CARMELINA


Nella Chiesa madre di S.Agata Militello, circondata dall’affetto dei parenti, ed ovviamente, delle consorelle Figlie di Maria Ausiliatrice e di tanti convenuti per l’occasione, Suor Carmelina Lombardo ha festeggiato il suo 50esimo anno di professione perpetua.

Suor Carmelina, originaria della provincia di Agrigento, dopo aver prestato il suo servizio in diverse case delle Figlie di Maria Ausiliatrice,  da sei anni si trova presso l’Istituto Zito  di S.Agata M.llo ove ricopre il ruolo di addetta alla portineria.

Ed è proprio la Comunità di Sant’Agata,  in ricordo di quel 1962, anno  della sua prima professione perpetua avvenuta a Palermo, che fa festa con suor Carmelina. Alle 11.30, infatti, ieri, la S.Messa, dal tono solenne, presieduta  dal parroco, padre Daniele Collovà e concelebrata da don Biagio Amata, sacerdote salesiano.  La Celebrazione è stata animata dalle suore e dai parenti di Suor Carmelina. I canti sono stati eseguiti dalla corale “Lorenzo Perosi” diretta da Patrizia Lionetto; all’organo il maestro Salvatore Bonina.

Presente alla celebrazione, anche,  padre Carmelo Lipari, vice parroco della Parr. Sacro Cuore di S.Agata M.llo e cappellano delle suore Figlie di Maria Ausiliatrice.

Durante l’omelia don Amata ha più volte sottolineato l’importanza di questo giorno che vede tra l’altro la felice coincidenza dei 140 anni della fondazione dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. “Oggi – ha detto il presule – è il giorno della riconoscenza per tutte le opere di bene che hanno compiuto e compiono le Figlie di Maria Ausiliatrice a S. Agata e nel mondo intero. Tanti abbiamo sperimentato il loro affetto, la loro premura, il loro zelo specialmente negli anni della formazione scolastica. Preghiamo perché fioriscano vocazioni alla vita religiosa anche dalla nostra città di S.Agata”.

Dopo l’omelia Suor Carmelina, visibilmente commossa, in piedi, dinanzi all’altare, ha rinnovato la sua professione perpetua. Al termine della celebrazione ha espresso il suo ringraziamento attraverso delle parole semplici ma intrise di gran commozione: “Grazie ai miei familiari, grazie per la vostra presenza. Grazie al Signore per il dono della vocazione religiosa, per i tanti benefici che mi ha concesso. Grazie alle mie consorelle, grazie a tutti voi che siete qui”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close