DSC_0644

IL SINDACO SCRIVE ALL’ANAS: “LA STATALE E’ A RISCHIO”


Il sindaco di Brolo, Salvo Messina, scrive alla direzione regionale dell’ ANAS Sicilia, all’Assessore Regionale ai Trasporti e al Presidente della Provincia Regionale. L’argomento riguarda la situazione in cui versa la statale 113 sempre più spesso teatro di incidenti e vero e proprio “cantiere all’aperto”.

Ecco la dura nota inviata dal primo cittadino brolese.

“Nella qualità di Sindaco di Brolo, con la presente voglio evidenziarvi che dopo l’ennesimo incidente mortale, la situazione sulla SS113, Palermo\Messina, asse viario di Vostra esclusiva competenza, nel tratto tra Brolo e Capo d’Orlando – ma non è di meno sul tratto tra Brolo è Gioiosa Marea – è grave e insostenibile.

Fondo stradale sdrucciolevole, catarifrangenti sporchi o mancanti,  delineatori stradali inesistenti, anche quelli che punteggiano e delimitano il bordo asfaltato, mancanza di interventi anche quelli più banali come la ripulitura delle cunette laterali (dietro i guard-rail c’è di tutto, detriti e sterpi, bottiglie e resti di copertoni, che spesso anche per il vento finiscono sul fondo stradale rendendolo ancor più insicuro).

Una situazione che degenera giorno dopo giorno e che  mette a rischio l’utenza, sia su due che a quattro ruote.
Voglio segnalarvi anche la pericolosità della “rotonda” appena all’uscita di Brolo.

Da anni lì, in perenne “stato cantiere aperto, come laconicamente dicono i segnali che ne denunciano il pericolo, e che i proprietari del Centro Commerciale non possono completare per mancanza delle vostre autorizzazioni che a loro dire tardano ad arrivare. Quella è davvero una situazione pericolossima e spesso anche le barriere, le New Jersey, si ritrovano, in quanto non fissate e precarie, in mezzo alla carreggiata, senza segnalazione alcuna.. autentiche barriere mortali.

E se questi sono interventi “normali” oserei dire di ordinaria amministrazione (segnaletica, pulizia, ripristino dei luoghi) segnalo anche quelli che dovrebbero essere intereventi più programmati, ma necessari, importanti, determinanti non più procrastinabili..
Parliamo di curve strette, di dossi e scaffe, asfalti “antichi” e non drenanti,  un mix inquietante che  rende insidioso il transito, soprattutto di notte e con l’umidità ed il bagnato.

Ci rendiamo conto del momento economico particolarmente difficile ma è necessario attivarsi, da subito, e programmare, scalettandoli, con un crono programma  trasparente e leggibile questi interventi che possono essere fatti anche in più tranche, nessun miracolo, ma che devono quanto meno avviarsi subito. Noi come Voi dobbiamo dare risposte all’Utenza, oggi colpita più volte dal dolore degli ultimi incidenti gravi e mortali.
Riteniamo dunque che possa essere fatto subito  l’illuminazione, anche con le nuove tecnologie, di  quei tratti totalmente scuri, bui dove neanche la vetusta segnaletica esiste, divelta e mai ripristinata. Ripulire i catarifrangenti sporchi, sostituire quelli mancanti. Tutelare l’utenza con la normale manutenzione.

Sentiamo tutti, moralmente, la necessità di attivarci.
E chi deve effettuare lavori e gli interventi oggi non può più fare orecchie da mercante.
Rimango in attesa di riscontro, di un incontro, di pianificare anche, nelle disponibilità e per le competenze di questo ente, anche interventi collaborativi.
Saluti

Salvo Messina”

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close