MARIO VALENTI CONDANNATO A SETTE MESI

Il Tribunale di Patti (Presidente Lazzara, a latere Molina e Rigoli) ha condannato il dirigente pro tempore dell’U.T.C. del comune di Capo d’Orlando, Mario Valenti (già assessore comunale e attuale esperto del sindaco Enzo Sindoni) ed un tecnico dello stesso ufficio, Vincenzo Rinoldo, alla pena di sette mesi di reclusione per abuso di ufficio. Ha condannato inoltre, quale privato concorrente nello stesso reato di abuso d’ufficio, Angelo Gatto, al quale però, essendo stato
ritenuto responsabile del reato di falso commesso dal privato in atto pubblico, è stata inflitta la maggiore pena di nove mesi di reclusione. La vicenda trae origine da una denuncia presentata da Giuseppe Ferrarotto al quale il Comune di Capo d’Orlando non aveva rilasciato una concessione edilizia, da lui richiesta nel lontano giugno 1995, sul presupposto che il fabbricato in progetto non avrebbe rispettato le distanze minime tra edifici rispetto ad altro fabbricato, di proprietà di Angelo Gatto, per il quale lo stesso Gatto aveva, nel frattempo, inoltrato richiesta di condono. L’istruttoria ha, però, consentito di accertare che, in effetti, l’immobile di proprietà Gatto, oggetto della richiesta di condono, non risultava ancora ultimato alla data del 31.12.1993 e, pertanto, non era sanabile.

Valenti, Rinoldo e Gatto sono stati, infine, condannati in solido al risarcimento dei danni subiti dal Sig. Ferrarotto, costituitosi parte civile, da liquidarsi in separata sede. Il Tribunale ha, tuttavia, concesso alla parte civile una provvisionale provvisoriamente esecutiva nella misura di quindicimila euro.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close