fogna gamb_pp

WEEK END NERO… DI FOGNA PER CAPO D’ORLANDO – REPORTAGE FOTOGRAFICO DI UNA VERGOGNA


Un week end decisamente disastroso per le spiagge orlandine caratterizzato da continue segnalazioni di turisti e imprenditori del settore. Il depuratore non funziona o quanto meno non perfettamente e le fogne continuano a scaricare a mare. Una vergogna di inizio estate che ha messo, da subito, in ginocchio coloro che sperano proprio in questa stagione di avere le proprie attività, residence, alberghi o camping, piene di turisti. E così è stato, peccato che hanno dovuto ricevere le loro lamentele e naturalmente anche i loro abbandoni.

Perché far pagare ad operatori del settore una colpa che non hanno? Perché arrivare ad estate ormai praticamente conclusa in queste condizioni ? Inutile poi inaugurare Bike Sharing ecologici, promuovere Capo d’Orlando come una delle dieci spiagge più pulite della Sicilia… L’evidenza è davanti agli occhi, ed in questo caso, sul naso di tutti.

Andiamo con ordine. Per l’ennesima volta (abbiamo ormai perso il conto) uno scarico di nauseabondo liquido ha fatto la sua apparizione sul lungomare nuovo nei pressi di via Gambitta Conforto. Come dimostrano le foto di seguito la situazione è divenuta presto insopportabile ed ecco che alcuni turisti che avevano affittato degli appartamenti in un vicino residence hanno deciso di abbandonare la struttura e raggiungere lidi meno puzzolenti.

Stessa situazione al camping di Tavola Grande. Proprio lo scorso fine settimana abbiamo anche pubblicato “l’opinione” del gestore della struttura che non ha risparmiato critiche sulla gestione del depuratore e ritardi abissali nell’intervento degli operai comunali. Una zona abbandonata al proprio destino anche se caratterizzata dalla presenza, da tantissimi anni, di uno dei camping più attrezzati e frequentati della Sicilia.

Ma cosa succede dunque alla struttura che spesso è stata indicata come perfettamente funzionante tanto da indicare altri comuni come responsabili, a volte, della colorazione decisamente strana del mare ? Pare che non riesca a gestire l’impianto fognario del paese in quanto non operativo al 100%. Per rimetterlo a posto bisognerebbe impegnare soldi che non ci sono e quindi si cerca di volta in volta di mettere una pezza. Ma per quanto gli sforzi siano tanti non sono mai sufficienti a limitare la fuoriuscita di liquami che si riversano in mare. E’ un continuo via vai di Autospurgo che cercano di salvare il salvabile ma sistematicamente la fogna procede per conto proprio e stargli dietro è praticamente impossibile.


I consiglieri di minoranza Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro, hanno presentato questa mattina una interrogazione con tanto di reportage fotografico (che trovate all’interno di questo servizio) per chiedere al Sindaco “se, anziché spendere i soldi pubblici in maniera scriteriata e inefficace, non ritiene necessario, una volta per tutte, programmare per tempo e prevedere in bilancio adeguati e ordinari interventi di manutenzione e rifacimento della condotta fognaria”.

Di seguito l’interrogazione integrale dei consiglieri Sanfilippo, Trusso, Micale e Gemmellaro:

Oggetto: interrogazione urgente su scarichi fognari a mare.
I sottoscritti Gaetano Sanfilippo Scimonella, Giuseppe Trusso Sfrazzetto, Salvatore Alessio Micale e Gaetano Gemmellaro, Consiglieri comunali dei Gruppi “Librizzi Sindaco” e “Democratici per Capo d’Orlando“, premesso:

– che l’indecorosa situazione in cui versa attualmente il litorale orlandino desta particolare preoccupazione, in quanto:
1) ripetutamente e in più punti, la condotta fognaria “scarica” a mare, come risulta dalle fotografie che si allegano;
2) sono a rischio le condizioni igienico sanitarie dei residenti e dei pochi turisti che, infuriati, hanno abbandonato la villeggiatura;

– che tale stato di cose, frutto della mancanza di programmazione e di capacità di intervento ordinario, ha determinato le proteste di operatori economici, ormai disperati, dei residenti e dei turisti, ai quali è impedito di scendere a mare, in quanto le zone interessate, specie quella del Lungomare nuovo sono inaccessibili per la puzza e i liquami a cielo aperto che scaricano a mare;

– che una situazione non memo grave si verifica al depuratore (v. foto), presso il quale gli scarichi a mare sono continui e consistenti;

– che, come segnalato dagli scriventi, era necessario programmare per tempo, con congruo anticipo rispetto stagione estiva, ormai quasi finita, adeguati interventi di manutenzione e di rifacimento del tratto fognario, da indicare in bilancio, senza attendere il verificarsi del “solito” guasto che giustifichi il “solito” intervento straordinario, magari di somma urgenza con ordinanza sindacale;

che, infatti, gli innumerevoli interventi “tampone” avviati dal Comune di Capo d’Orlando negli anni, sono stati vanificati in tempo reale e, se ripetuti nel tempo, senza adeguata panificazione generale, sono un “pannicello caldo” che cagiona solamente un danno all’erario pubblico;

quanto sopra premesso e ritenuto, interrogano la S.S. per conoscere e /o sapere:
– quali interventi intende disporre per “salvare il salvabile” ed eliminare il pericolo per l’igiene pubblica;
– se, anziché spendere i soldi pubblici in maniera scriteriata e inefficace, non ritiene necessario, una volta per tutte, programmare per tempo e prevedere in bilancio adeguati e ordinari interventi di manutenzione e rifacimento della condotta fognaria.

Chiedono la risposta scritta e l’inserimento all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale.
Gaetano Sanfilippo Scimonella, Giuseppe Trusso Sfrazzetto, Salvatore Alessio Micale, Gaetano Gemmellaro

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close