consegna_pp

DI NUOVO FRUIBILE IL CORPO CENTRALE DELL’OSPEDALE. LE FOTO DELLA CERIMONIA DI CONSEGNA


Dopo quattro lunghi anni di abbandono è stata riconsegnata, oggi, alla cittadinanza l’ala ristrutturata dell’Ospedale di Sant’Agata di Militello. Alla cerimonia hanno preso parte, l’Assessore Regionale della Salute, il dott. Massimo Russo, il Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, dott. Francesco Poli, il Presidente  Commissione Sanità all’ARS, On. Giuseppe Laccoto, il direttore sanitario del Presidio ospedaliero di Sant’Agata M.llo e Patti, il dott. Antonino Giallanza, il Capo Distretto, la dott. Rosalia Caranna, il sindaco di Sant’ Agata M.llo, dott. Bruno Mancuso, diversi sindaci del comprensorio, autorità militari e religiose, dirigenti medici e funzionari dell’ ASP. A benedire i locali, il cappellano ospedaliero padre Rosarino Lo Cicero.

“Il corpo centrale dell’ Ospedale finalmente è stato restituito alla sua dignità  – afferma il  sindaco Mancuso visibilmente contento – il quale ringrazia il Dott. Poli “perché dopo tanti anni è stata eliminata questa indecenza dal punto di vista del decoro umano”. Al ringraziamento del primo cittadino fa seguito la “preoccupazione” – cosi dal lui definita – “per la programmazione sanitaria dell’Ospedale di S.Agata. Chiediamo un incontro – continua Manucso rivolgendosi all’Ass. Russo e al dott. Poli – per sentire noi  sindaci del comprensorio al fine di  darvi consigli per la logica di distribuzione del distretto sanitario nel nostro territorio”.

L’ala, oggi inaugurata, grazie ai lavori di ristrutturazione ripresi lo scorso febbraio, accoglierà diverse attività, distribuite su tre piani che compongono il plesso. A piano terra è previsto il PUA, il Punto Unico di Accesso e tutti i servizi  amministrativi di supporto ai servizi sanitari: URP, Servizi Sociali, Ufficio Protesi e Ausili, Ufficio Anagrafe, Ufficio CEE, Ufficio Farmaceutico, Ufficio Esenzione ticket. Al primo piano e nei seminterrati, invece, saranno ospitati gli ambulatori:
Dermatologia, Endocrinologia, Neurologia, Medicina Interna, Diabetologia, Cardiologia, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Audiologia, Allergologia, Chirurgia Pediatrica, Gestione Integrata, Odontoiatria, Angiologia, Urologia, Ecografia.

Il nuovo PTA (Presidio di Assistenza Territoriale), inoltre,  attraverso due tunnel di collegamento potrà operare in continua interazione con l’ospedale. I principali obiettivi del PTA, “polmone diurno in cui si può trovare assistenza”- cosi definito dal dott. Poli  – , sono quelli di organizzare in modo appropriato efficace ed efficiente i percorsi dei pazienti in relazione ai loro bisogni di salute.

A tal proposito l’Ass. Russo ha ricordato che “ il PTA introdotto dalla Legge Regionale n.5 del 2009, come viene sottolineato nelle <<Linee Guida sulla riorganizzazione dell’Attività Territoriale>>, costituisce il perno della riorganizzazione dei servizi territoriali, e si propone come un nuovo modello di organizzazione dell’assistenza che mette al centro il paziente”. Continua l’Ass. Russo “ il paziente che si mette nel reticolato dei servizi sanitari, grazie a questa struttura, entrando da una sola porta potrà ricevere assistenza senza andare di qua e di la”. A conclusione dei brevi discorsi, il dott. Poli, oltre a precisare “che questa struttura  rappresenta il sistema sanitario del futuro che consiste appunto nel superamento della visione esclusivamente ospedaliera, prestando attenzione al cittadino che ha bisogno di assistenza”, ha ringraziato l’Ass. Russo per la sua partecipazione “ la presenza dell’ASS. Russo, oggi, – afferma Poli – è il segnale di un sostegno, di una presenza, vicinanza al nostro territorio”.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close