video sorveglianza_pp

BROLO: LA MINORANZA INTERROGA SULLO STATO DELL’IMPIANTO DI VIDEO SORVEGLIANZA


Una minoranza, quella brolese, che già dai primi giorni post elezioni appare nettamente diversa da quella che siamo stati abituati a vedere negli ultimi cinque anni. Da attenti osservatori i consiglieri brolesi Gaetano Scaffidi, Irene Ricciardello, Giuseppe Miraglia, Vincenzo Princiotta e Filippo Collovà, puntano l’attenzione proprio su un argomento che ha a che fare con la pubblica sicurezza. Si tratta della situazione in cui verte l’impianto di videosorveglianza installato dal Comune di Brolo.

“Negli ultimi periodi- dicono i consiglieri brolesi- sono decisamente aumentati gli episodi di microcriminalità su tutto il territorio comunale con diversi furti in abitazioni ed esercizi pubblici, soltanto 2 anni fa con delibera di giunta N. 30 del 22.02.2010, l’amministrazione comunale ha stanziato euro 12.650 per ‘lavori di sistemazione impianti di videosorveglianza  dislocati sul territorio comunale’, ma nonostante i soliti buoni propositi a parole- continua la nota dell’opposizione- ed i soliti pomposi comunicati stampa dell’amministrazione riguardo il monitoraggio del territorio (per  ultimo quello del neo assessore Magistro), alla data odierna (vedasi  relazione del dipendente comunale addetto al controllo  delle apparechiature di videosorveglianza, prot. n. 7715 del 07/06/2012 allegata alla presente) non risulta funzionante alcuna apparecchiatura, in quanto 5 sono totalmente non funzionanti e 3 funzionanti ‘ma con date e orari sballati’ ( quindi praticamente quasi inutili alla finalità per la quale sono utilizzate). A nostra conoscenza- concludono i cinque consiglieri- risultano presenti sul territorio almeno altre 3 telecamere (villa comunale, svincolo autostradale, lungomare zona ancora)”.

Così la squadra della minoranza interroga il sindaco per conoscere l’effettiva mappatura del sistema di videosorveglianza a Brolo, per quale motivo, nonostante le segnalazioni, l’amministrazione comunale non è intervenuta tempestivamente sui guasti e quali sono le azioni che dovranno essere intraprese per migliorare il servizio.

Per concludere la minoranza pone al sindaco la domanda più difficile: quali sono i motivi per cui non sono state date disposizioni al dipendente comunale addetto al controllo delle apparecchiature, di controllare anche le altre 3 telecamere mancanti? Considerato anche che queste ricadono in punti nevralgici per il controllo della sicurezza dei cittadini.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close