megafono11

LA TUA OPINIONE – CARLOS VINCI “IL DISASTRO DELLE PRESENZE TURISTICHE”


Capo d’Orlando oggi  non riesce a crearsi una vera identità turistica, non vuole fare del turismo il punto di partenza di un nuovo e florido  rilancio economico. Non ci sono più alternative, adesso e solo adesso gli imprenditori turistici orlandini
debbono dimostrare concretamente attraverso la creazione di  un consorzio turistico  come sia possibile fare squadra e tentare di attivare un’economia reale  creando occasioni di lavoro attraverso la valorizzazione e l’uso equilibrato delle risorse di questo magnifico territorio, bloccando quello sperpero di denaro pubblico che le amministrazioni bruciano nel tentativo di fare turismo attraverso l’organizzazione di spettacoli ed eventi inutili in questo particolare momento di crisi.

L’assurdità di oggi è quella di avere un turismo concentrato ormai unicamente nelle settimane centrali di agosto, il che costituisce un paradosso per una realtà come Capo d’Orlando che al contrario dovrebbe godere non di un turismo stagionale ma di un turismo d’elite  e che per l’incapacità di molti, oggi si trova a mendicare una presenza turistica che a stento si attesta su un livello  di poco superiore alla sufficienza. Il Consorzio potrà  promuovere e rilanciare con nuove idee ed iniziative, vere attività economiche basate sulla valorizzazione dell’ambiente naturale e  sull’ospitalità nelle diverse tipologie  di strutture ricettive soprattutto nei periodi di bassa stagione, attraverso campagne pubblicitarie verso i mercati regionali ed esteri e la ricerca di operatori turistici interessati ad un prodotto di qualità a prezzi ragionevoli e concorrenziali affinché gli ospiti possano trascorrere in modo originale ed ecologicamente corretto i luoghi suggestivi della nostra costa e dell’entroterra, nei caratteristici paesi dei Nebrodi.

Inoltre bisognerà intraprendere serie decisioni politiche per salvare la nostra spiaggia  la vera risorsa turistica, scomparse lungo la nostra costa, da Capo d’Orlando a Capo Calavà  rendendo inutili quei costosissimi interventi di ripascimento senza le dovute manutenzioni programmate . Ecco la ricetta per ripartire, nulla di difficile. Bisogna dimostrare di avere le capacità di salvare le nostre strutture, rendendosi conto che solo attraverso una forma di cooperazione si potranno superare simili momenti di crisi.

Carlos Vinci

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Articoli Correlati

Close