galipo carmelo_pp

GALIPO’: “SULL’IMU SINDONI FA CONFUSIONE”


Alle dichiarazioni di Enzo Sindoni sull’IMU a Capo d’Orlando risponde il consigliere di minoranza Carmelo Galipò, eletto nella lista “Insieme per cambiare”. Secondo Galipò è proprio il Sindaco a fare confusione sull’argomento e avverte l’Amministrazione che se non verranno prese in considerazione le modifiche al regolamento proposte dal gruppo consiliare dallo stesso rappresentato, la pressione fiscale che si aggiungerà al già difficile periodo storico sarà insostenibile per molti.

Di seguito la risposta integrale di Carmelo Galipò.

Prendiamo atto del comunicato stampa diramato dal sindaco di Capo d’Orlando in merito all’IMU. Probabilmente è il sindaco che fa un po’ di confusione. Dal canto nostro nessun allarmismo, ma solo presa di coscienza che le promesse elettorali non  sono state rispettate. Tutti abbiamo sentito dai pulpiti della campagna elettorale che non sarebbero aumentate le imposte comunali. Ed ecco qui la smentita. L’IMU, che certamente non è un’imposta voluta dai comuni, anzi dagli stessi avversata, oggi diventa fiore all’occhiello di questa Amministrazione. Le ripercussioni di carattere economico/sociale sulle famiglie e sulle aziende, sono davvero importanti. Pur rispondendo a verità quanto asserito circa l’incidenza sulla prima casa, è da sottolineare invece l’aumento pesante sul resto delle fattispecie quali ad esempio i fabbricati inagibili, le case date ai figli, i fabbricati destinati ad attività produttiva ecc.

Alquanto strana la dichiarazione del sindaco quindi, senza che peraltro sia stata fornita al consiglio comunale alcuna proiezione sul gettito derivante dalla nuova imposta. La nostra convinzione è che così restando le cose, se non verranno prese in considerazione le modifiche al regolamento proposte dal nostro gruppo consiliare, in linea con i regolamenti di altri comuni, ci sarà un incremento della pressione fiscale che si aggiungerà al già difficile periodo storico. La ricetta dovrebbe essere individuata nella contrazione delle spese e non soltanto sull’aumento dell’imposizione. Meno manovre di bilancio, più economia. Pertanto i servizi dovrebbero essere garantiti da un risparmio nella spesa, e dall’applicazione di una politica fiscale volta alla crescita. Su tutti la corte dei conti in riferimento a quanto indicato sull’analisi del bilancio dello stato.

Pertanto, se il comunicato del sindaco tende a chiudere ogni iniziativa, come la nostra, tesa ad alleggerire la pressione fiscale dettata dall’IMU, non può che trovarci contrari.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close