targa garibaldi_pp

LA QUESTURA DIFFIDA MONASTRA, LUI “PRONTO ALL’ARRESTO”


Sembra non avere fine la lunga querelle tra Nino Monastra, il Prefetto di Messina ed il Sindaco di Capo d’Orlando. E’ lo stesso orlandino, da tempo residente all’estero, ad annunciare, tramite un comunicato stampa, che la Questura di Messina lo ha uffialmente diffidato dal mettere in atto quanto preannunciato per il prossimo 25 aprile. Come ricorderete, infatti, Monastra dopo aver denunciato il Prefetto Alecci, ha annunciato che in occasione della festa della liberazione avrebbe rimosso personalmente la targa in piazza stazione visto l’atteggiamento garantista del prefetto che, sempre secondo Monastra, non avrebbe ottemperato a far rispettare una legge. Nonostante la diffida Monastra intende andara dritto per la sua strada continuando nella protesta pacifica. “Io, a differenza del Sindaco Sindoni e del Signor Prefetto di Messina, scrive Monastra, non sono mai stato arrestato, ma sono pronto che ciò accada il giorno 25 aprile 2012, nel caso le forze dell’ordine del nostro paese arriveranno a tanto perché un cittadino vuole far affermare, senza violenza alcuna, la legalità e la giustizia. Rimando la diffida e contro diffido la Prefettura di Messina e la Questura, di permettersi di intimorirmi facendomi convocare in commissariato, per farmi astenere da azioni pacifiche, come non hanno fatto di conseguenza con il Sindaco Sindoni, che a colpi di Martello di una violenza inaudita, ha dato il più alto senso di barbaria democrazia che mai si era verifica nel nostro paese, veicolando un pericoloso esempio a tutti e specialmente alle nuove generazioni, che con la violenza e in barba alla legge, chiunque può fare quello che vuole. Giorno 25, conclude Monastra, sono pronto all’arresto, perché nessuno potrà farmi desistere da fare quello che hanno stabilito ben due sentenze del TAR e che amministratori prepotenti e funzionari codardi non hanno saputo far applicare, perché in un paese veramente civile… LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI e lo deve essere davvero, non solo con le sentenze scritte ma anche con i fatti.”

Di seguito la diffida della Questura allegata al comunicato stampa di Nino Monastra

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close