porto_pp

RICORSO PORTO: DISCUSSA LA SOSPENSIVA. ACCORDO MANCATO. DOMANI SENTENZA ?


L’accordo alla fine non c’è stato e la sospensiva è stata discussa. Saltata dunque, come precedentemente ipotizzato, la probabile intesa tra gli avvocati delle parti per il rinvio al merito. Adesso l’esito della cautela potrebbe anche essere emesso domani. Sulla decisione dunque del Tar, al momento, non è possibile fare alcuna previsione. In effetti potrebbe succedere di tutto. Aumenta quindi l’attesa per una sentenza che potrebbe risultare determinante per le sorti del completamento dell’importante struttura.

Come ricorderete, l’impresa Bruno Teodoro aveva presentato ricorso al TAR per l’annullamento del Decreto della Presidenza della Regione che il 27 gennaio scorso che aveva di fatto approvato l’accordo di programma per i lavori di completamento del porto di Capo d’Orlando. Ma non soltanto. La nota impresa di costruzione ha chiesto di annullare il verbale delle conferenze di servizi, le delibere di giunta e di consiglio comunale legate all’iter amministrativo e burocratico di completamento del porto. Ma ancora ha anche richiesto di dichiarare l’inefficacia della convenzione con l’impresa Franco Eurovega aggiudicataria del project financing. Alla base della richiesta lo stravolgimento dei contenuti della convenzione tra il Comune di Capo d’Orlando e il concessionario. Secondo l’Impresa Bruno da 23 milioni di Euro si è passati, nella procedura di aggiudicazione del Project Financing a 48 milioni di Euro. La durata della convenzione da 40 è passata a 60 anni. In poche parole sarebbero state violate le norme in materia di evidenza pubblica dei contratti.

Per il Comune di Capo d’Orlando è Laura Trifilò l’avvocato difensore, mentre gli avvocati Bonfiglio e Stallone per la Eurovega e l’avvocato Daniela Ferrara per la Bruno Costruzioni.

Print Friendly

clean-service


mt-infissi


uniscuole

Close